Menu Chiudi

Il Fiorese Bassano ferma la bella corsa del Tosoni

tosoniPiù che rognoso, caparbio. E così la striscia vincente del Tosoni si ferma. Poteva arrivare a cinque risultati utili consecutivi, Bassano nega questa soddisfazione confermando le supposizioni castellane della vigilia, che definivano i vicentini un osso duro.
Non della bravura dei vicentini, ma degli errori dei veronesi si deve parlare. L´approccio alla gara, che già nel primo quarto costringe il team di Bindi a rivedere la formula offensiva a fronte ai soli 10 punti segnati, e dentro l´area, 26 punti subiti. E poi la pessima serata al tiro dalla lunga 1/17 da tre nei 40´, con l´unico centro di Panni.
Tutto il contrario della sfida di domenica scorsa con Lecco. E dire che l´appuntamento era in trasferta, e fuori casa solitamente il Tosoni si è sempre destreggiato. 
Questa volta invece è stato sorpreso da un Bassano che ha impresso ritmo e cantato l´assolo nel primo minuto, parziale di 10-0, alternando tiro pesante a canestro dentro l´area. E dopo il 12-3 (libero di Faccioli e conclusione di Dalfini), altro scatto in avanti da parte dei vicentini, 19-3 e 21-4 per il massimo distacco registrato al 7´.
Peggio di così il Tosoni non poteva scendere in campo. E tenta la risalita. Dal 31-16 del 15´, arriva 38-27 prima della sirena dell´intervallo lungo, merito del continuo cambio di difesa chiamato da coach Bindi.
L´intervallo serve per meditare, e i frutti del nuovo pensiero cestistico castellano si vedono nella ripresa. Palle recuperate e una maggior convinzione in attacco portano i gialloverdi sul 40-35 (22´), ma Bassano c´è e con due bombe riaccende il proprio entusiasmo, riprendendo il vantaggio in doppia cifra (50-39 28´), a cui Villafranca rimedia con il 6-0 di Mori, Bastone, Faccioli. Ma non sfrutta l´inerzia, scontrandosi con Crosato che infila dieci punti in 4´, intervallati dalla tripla di Antrops (63-48 34´). Il Draghetto non fa quadrato, anzi, si intestardisce in soluzioni personali, da Panni un acuto, 9 punti negli ultimi 2´, ma Bassano non sta a guardare.
«Quando si fa 1/17 da 3 non si ha molte possibilità di vincere, perché i tiri dentro l´area da soli non bastano», dice il d.s. Sandro Boni. «È pur vero che la nostra difficoltà si è vista in avvio di gara, quando ci siamo trovati subito sotto di quasi 20 punti. Buono il recupero, che ci è costato molte energie, esaurite nel finale, ma dei ragazzi mi sento di dire che hanno dato il massimo. Pecche? Senza dubbio abbiamo subìto il gioco fisico di Bassano, poi intimoriti dalle basse percentuali, abbiamo rinunciato al tiro da fuori avevamo lo spazio, forzando invece da sotto. Abbiamo giocato al di sotto delle nostre possibilità, sotto ritmo, ma dando l´anima fino in fondo».

TABELLINI:

Parziali: 26-10, 38-27, 50-45
Fiorese Bassano: Camazzola, D´Incà, Pietrobon 8, Carlesso 11, Stopiglia 3, Bordignon 2, Antrops 21, Crosato 17, Gallea 17, Tchanile ne. All.: Corà.
Tosoni: Polettini 6, Dalfini 14, Bastone 3, Faccioli 11, Panni 17, Mascadri, Mori 4, Quartieri 10. Marconcini e Montresor ne. All.: Bindi.
Arbitri: Degobbis e Gagno di Treviso

da L’Arena di Lunedì 12 Novembre 2012

Posted in Notizie Basket

Altre Notizie