Menu Chiudi

Accademia dello Sport

Progetto multi sport nato dalla collaborazione di tre associazioni sportive villafranchesi nel 2019 che le vede impegnarsi nella promozione motoria educativa e sportiva dei differenti sport che esse praticano.
Lo sport è un’esperienza fondamentale in fase di crescita:

  • per favorire un equilibrato ed armonico sviluppo del corpo, dello scheletro, dei muscoli e delle articolazioni
  • prezioso bagaglio di esperienze, non solo motorie ma anche psicologiche 
  • momento di socializzazione

La soluzione migliore è lasciare scegliere al bambino quale sport lo definisce, rappresenta e caratterizza.

Obiettivi

CAPACITA’ MOTORIE =/= ABILITA’ MOTORIE

CAPACITA’ MOTORIE> Insieme delle capacità fisico-sportive che una persona possiede, permettono l’apprendimento delle varie azioni motorie e della loro esecuzione.

ABILITA’ MOTORIE>
Capacità acquisite attraverso la ripetizione del gesto motorio fino a diventare automatiche.

CAPACITA’ COORDINATIVE
Sono strettamente dipendenti dal S.N.C. e si apprezzano quasi esclusivamente quando il soggetto è in movimento.

EQUILIBRIO STATICO E DINAMICO> capacità di mantenere il corpo in condizioni di stabilità

RITMO> capacità che permette di dare un andamento ritmico alle azioni motorie (senso del tempo)

DIFFERENZIAZIONE> permette di modulare le principali capacità condizionali al fine di avere un gesto calibrato in base alla situazione presente (es. passaggi a varie distanze e stop su palla a diverse velocità)

ACCOPPIAMENTO E COMBINAZIONE> capacità che permette di combinare movimenti di differenti segmenti del corpo o di combinare più azioni motorie

ORIENTAMENTO> capacità che permette di conoscere e adeguare la propria posizione nello spazio e nel tempo

REAZIONE> capacità che permette di eseguire rapidamente azioni motorie in risposta ad uno stimolo conosciuto o sconosciuto e risulterà importante allenare la capacità di anticipazione motoria per pre-programmare il proprio intervento ed intuire lo sviluppo di un’azione

Didattica

Nel percorso formativo che attraversa tutta l’attività dell’accademia, l’attenzione si sposterà, progressivamente, dal comportamento individuale a quello collettivo:

  • aumenterà in modo crescente il numero di elementi che caratterizzano il contesto di gioco, lo spazio da utilizzare o controllare ed in generale le difficoltà da affrontare.

I “fondamentali” nell’accademia dello sport verranno inseriti ed insegnati al bambino all’interno di una situazione di gioco.

ATTIVAZIONE
fase iniziale dell’allenamento in cui avviene la “messa in moto” del bambino tramite giochi tecnici o esercitazioni analitiche.

FASE COORDINATIVA/MOTORIA
esercitazioni mirate allo sviluppo corretto e completo di tutte le capacità coordinative e motorie maggiormente sensibili in questa fascia di età. Aiutano un più corretto e redditizio apprendimento di tutti gli elementi della tecnica di base.

FASE ANALITICA
mira all’ampliamento del bagaglio dei fondamentali tecnici ed al loro perfezionamento, organizzato secondo i principi della progressività didattica e della correzione costante dell’errore permette di poter sviluppare in modo corretto e redditizio gli elementi di Tecnica Applicata.

FASE SITUAZIONALE
provare tramite il gioco ad inserire e contestualizzare la fase analitica che si sta provando ad apprendere.

TECNICA INDIVIDUALE

Attività Praticate

CALCIO

I comportamenti, che vengono attuati dal singolo bambino quando entra in contatto con il pallone.

  • GUIDARE / DOMINARE: abilità nella gestione individuale della palla in un rapporto di stretto contatto e di poco spazio.
  • CALCIARE: Gesto specifico che evidenzia l’abilità del bambino di indirizzare con un piede la palla verso un obiettivo prefissato (compagno, porta avversaria).
  • RICEVERE: Abilità tecnica che consente di gestire la palla in arrivo arrestandola oppure orientandola, anticipando la scelta della giocata immediatamente successiva.
  • CONTRASTARE: Cercare di recuperare palla con un’azione di contrasto diretto o indiretto.
  • COLPIRE DI TESTA: Gesto tecnico che evidenzia l’abilità di indirizzare la palla con la testa verso un obiettivo prefissato (compagno, porta avversaria).
  • RIMESSA LATERALE: Gesto tecnico da effettuarsi con le mani, qui come nelle gesta del portiere avviene un sistema di gioco e apprendimento e quindi aumento delle abilità motorie usando gli arti superiori.
  • TECNICA DEL PORTIERE.

BASKET

Materiale didattico: palla, canestro, campo da gioco, coni, cerchi
Apprendimento fondamentale del basket: palleggio, passaggio, tiro e “il gioco”
Obiettivi:

  • Capacità senso percettive ( uditive, visive, tattili)
  • Schemi posturali e motori di base
  • Strutturazione delle capacità motorie con particolare riferimento a quelle coordinative e alla mobilità articolare

TENNIS

  • Avviamento – Mini tennis
  • Materiale didattico: racchetta, pallina, campo
  • Capacità coordinative ( equilibrio, combinazione motoria, orientamento spazio temporale, ritmo, differenziazione motoria, anticipazione motoria)
  • Bilateralità ( dx-sx)
  • Coordinazione oculo-manuale
  • Apprendimento colpi fondamentali del tennis ( dritto, rovescio, voleè, servizio)

PALLAVOLO

Attraverso il gioco, la facilitazione e la flessibilità si portano i bambini alla scoperta del gioco della pallavolo.
In base alle loro capacità di coordinazione e apprendimento, l’attività viene programmata per raggiungere la finalità del gioco di squadra, inteso come inclusione, aiuto e divertimento.

attività ludico didattiche - accademia dellom sport

ATTIVITA’ LUDICO DIDATTICHE

  • Giochi di memoria
  • Giochi di attenzione
  • Giochi di Orientamento nel tempo e nello spazio
  • Logica
  • Attenzione visiva

Richiesta Informazioni

    Attività e Calendari